Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Emergenza Alluvione del 7 e 8 Ottobre 2013

Il sindaco De Palma scrive alla Regione Puglia e al Governo centrale

Dettagli della notizia

Continua ininterrottamente l'attività istituzionale del post alluvione dei giorni scorsi che ha interessato gran parte del territorio di Ginosa e provocato la morte di quattro persone. In particolare il violento nubifragio ha causato ingenti danni al sistema agricolo ed infrastrutturale registrando nel contempo un danno economico di notevole entità.
Il sindaco, Vito De Palma, proprio su quest'ultimo problema, ha trasmesso due note, che si allegano al presente comunicato, ed indirizzate, ad ognuno per le proprie competenze, al Presidente della Conferenza Stato Regioni, Dott. Graziano Del Rio, Ministro per gli Affari Regionali e Autonomie; al Ministro dell'Economia e Finanze, Dott. Fabrizio Saccomanni; al Presidente della Regione Puglia, On. Nichi Vendola e all'Assessore Regionale all'Agricoltura, Dott. Fabrizio Nardoni.
"Al fine di potere meglio venire incontro – scrive il sindaco De Palma - alle istanze dei cittadini e degli imprenditori agricoli gravemente danneggiati dall'alluvione, ritengo possa essere avviato dalla Regione Puglia il procedimento per la modifica al Piano di Sviluppo Rurale della Regione Puglia con inserimento di apposita misura volta al Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali. Tale misura potrebbe essere finanziata rimodulando le somme attualmente presenti nel PSR della Regione Puglia e non ancora spese. Il procedimento di modifica – continua il sindaco - al PSR che la Regione Puglia dovrebbe attivare è stato adottato da diverse regione italiane colpite da eventi calamitosi, ultima in ordine di tempo la Regione Emilia Romagna che in occasione degli eventi sismici del maggio 2012 ha approvato la Delibera di Giunta Regionale n. 1448 dell'8 ottobre 2012". Inoltre, tale procedimento può contare sul contributo e la partecipazione di tutte le altre regioni italiane che, così come avvenuto nel caso della modifica del PSR della Regione Emilia Romagna, in occasione degli eventi sismici del maggio 2012, in sede di Conferenza permanente Stato Regioni possono approvare la modifica del Piano Strategico Nazionale e disporre il potenziamento della dotazione finanziaria del PSR della Regione Puglia".
"Contestualmente – conclude nella missiva il sindaco Vito De Palma - ritengo sia necessario ed indispensabile approvare apposito decreto ministeriale in ordine alla sospensione, ai sensi dell'art. 9, comma 2 della legge 27 luglio 2000 n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari a favore dei contribuenti colpiti dall'alluvione del 7 ed 8 ottobre 2013, verificatasi nei comuni ricadenti nelle province di Taranto e Matera".
Adesso non resta che aspettare le decisioni della Regione Puglia e del Governo centrale.

Nella foto, il sindaco De Palma con il vice prefetto Luigi Armogida, sub commissario della Provincia di Taranto, durante un sopralluogo del ponte crollato in contrada Sierro delle Vigne, sulla SS 580, effettuato mercoledì 15 ottobre 2013.

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina